robertovenegoni
« < >

confini

La nebbia in pianura padana, nei mesi invernali, è parte integrante del paesaggio, fredda, umida, quasi tangibile.
La nebbia è il freddo, l'umidità nelle narici, lo sguardo che fatica, il paesaggio che si chiude per isolare e delimitare lo sguardo, tracciare i Confini.
Ci sono luoghi davanti ai quali si passa spesso, luoghi talmente presenti da diventare anonimi  immersi come sono nel caos dei fitti fabbricati dalla pianura.
La nebbia ne riscatta il loro valore; isolati dal resto del paesaggio, assurgono a linee di confine oltre le quali tutto è celato, misterioso: il paesaggio padano diventa mentale, non più fisico. Lo senti, lo percepisci ma non lo vedi.
La nebbia è avida di spazio. Ti concede briciole di quello che ingloba, delimita forzatamente i confini, valorizza i dettagli, concedendoti sarcasticamente quelli che più vendono trascurati.
Li rende unici, accattivanti, esteticamente pronti alla consacrazione fotografica.
Le strade, gli edifici e i campi si trasformano in paesaggi che puoi solo immaginare. Un palo, i fili della luce, una stazione della benzina è tutto quello che ti viene concesso. Sono i confini forzati che la nebbia, avida, ti restituisce.
confini
10 / 19 enlarge slideshow
confini
11 / 19 enlarge slideshow
confini
12 / 19 enlarge slideshow
confini
13 / 19 enlarge slideshow
confini
14 / 19 enlarge slideshow
confini
15 / 19 enlarge slideshow
confini
16 / 19 enlarge slideshow
confini
17 / 19 enlarge slideshow
confini
18 / 19 enlarge slideshow
confini
19 / 19 enlarge slideshow
Link
https://www.robertovenegoni.eu/confini-p20684

Share link on
CLOSE
loading